Planned Parenthood ha rimosso la Dott.ssa Leana Wen dalla carica  di presidente martedì, parlando della necessità di un leader più aggressivo, a meno di un anno dalla nomina, con una mossa che è stata una sorpresa per la Wen stessa.

Il New York Times riporta che il Consiglio del gigante dell’aborto ha preso la decisione dopo “ore di negoziati”, originati dal malcontento all’interno dell’organizzazione e la percezione della necessità di un “leader politico più aggressivo” per resistere agli sforzi legislativi pro-life in tutto il Paese.

Planned Parenthood non ha nominato un successore a lungo termine, ma il consiglio di amministrazione ha scelto all’unanimità la socia di lunga data Alexis McGill Johnson come presidente ad interim sia dell’organizzazione delle attività dell’aborto che del suo braccio politico, il Planned Parenthood Action Fund.

“Sono orgogliosa di iniziare il mio servizio come presidente facente funzione e facilitare una transizione regolare d leadership in questo momento critico per la Planned Parenthood e per le pazienti e le comunità che serviamo”, ha affermato McGill Johnson. “Ringrazio la dottoressa Wen per il suo servizio e il suo impegno nei confronti delle pazienti.”

Wen ha detto su Twitter che mentre la sua partenza era in elaborazione da un periodo imprecisato di tempo, il voto di oggi è avvenuto durante un “incontro segreto”, di cui ha appreso solo a cose avvenute. Ha anche rilasciato una dichiarazione che cita “differenze filosofiche” tra lei e gli attuali presidenti di commissione:

“Ho appena saputo che il consiglio @PPFA ha concluso il mio impiego in una riunione segreta. Siamo stati impegnati in trattative sulla mia partenza dovuta a differenze filosofiche sulla direzione e sul futuro di Planned Parenthood. Rilascerò presto una dichiarazione.

– Leana Wen, MD (@DrLeanaWen) , 16 luglio 2019

Planned Parenthood aveva annunciato lo scorso settembre di aver scelto Wen per sostituire la presidente uscente Cecile Richards, citando l’ex background medico del Baltimore Health Commissioner come una risorsa per cercare di far vedere l’aborto come assistenza sanitaria. Durante il suo mandato, i pro-life e altri hanno criticato Wen per varie false dichiarazioni, mentre hanno accolto con piacere la sua ammissione di gennaio che l’aborto era la “missione principale” di Planned Parenthood, piuttosto che un servizio secondario rispetto ad altri servizi sanitari legittimi.

Oggi LifesiteNews ha riportato aggiornamenti e diversi commenti sulla vicenda.

Mentre la nuova legge dell’amministrazione Trump che taglia 60 milioni di dollari per Planned Parenthood dai redditi dei contribuenti entra in vigore, e mentre un’ondata di legislazione pro-life ha fatto andare nel panico la Sinistra americana, la Planned Parenthood ha licenziato il nuovo presidente Dr Leana Wen in un “incontro segreto” .

La Wen sembra abbia lasciato Planned Parenthood in termini apparentemente peggiori di quanto successo con il suo predecessore, Cecile Richards. La Richards aveva annunciato la sua partenza – arrivata mentre l’ “industria degli aborti” era ancora impegnata nelle ricadute dopo lo scandalo relativo alle vendite di parti di feti nel gennaio 2018 e aveva poi lasciato alla fine di aprile di quell’anno .

Ora stanno emergendo ulteriori dettagli sul tumultuoso periodo di lavoro della Wen alla Planned Parenthood, incluso il fatto che stesse cercando di allontanare l’organizzazione dal concentrarsi unicamente sull’aborto e sull’attivismo politico e che un punto di tensione tra lei e gli altri membri fosse il suo rifiuto di usare un “linguaggio inclusivo”.

È già stata eliminata dalla pagina dell’Organigramma della “Dirigenza” del sito Web di Planned Parenthood .

Dopo il tweet sul licenziamento a sorpresa, Wen ha quindi rilasciato una dichiarazione più lunga, in cui ha menzionato nuovamente “differenze filosofiche” tra lei e le “nuove cariche dirigenziali”.

“Credo che il modo migliore per proteggere l’assistenza abortiva sia chiarire che non si tratta di un problema politico ma di assistenza sanitaria e che possiamo espandere il sostegno ai diritti riproduttivi, trovando un terreno comune con la grande maggioranza degli americani che capiscono che la salute riproduttiva è una vera e propria assistenza sanitaria fondamentale”, ha detto.

“La nuova dirigenza del Consiglio ha determinato che la priorità di Planned Parenthood è quella di raddoppiare l’impegno nella difesa del diritto di aborto”, ha scritto in una e-mail allo staff di Planned Parenthood che ha condiviso su Twitter:

A tutti i miei colleghi di Planned Parenthood, alle decine di migliaia di persone impegnate in prima linea ogni giorno per fornire un’assistenza che salva e trasforma la vita e combattendo per proteggere l’accesso a tali cure: voi siete i miei eroi. Grazie per quello che fate.

– Leana Wen, MD, 16 luglio 2019

Così commenta l’attivista Pro-Life Lila Rose su Twitter

Il Presidente dimessa da PPFA Dr LeanaWen spiega che la sua partenza è dovuta a “differenze filosofiche” e che la PP vuole “raddoppiare la difesa dei diritti all’aborto”.

Planned Parenthood è una catena di aborti e un gruppo di pressione politica pro-aborto radicale, non un’organizzazione “sanitaria”

– Lila Rose 16 luglio 2019

La Richards era un’esperta fundraiser ferrata in politica, Wen un ex medico di pronto soccorso. Planned Parenthood voleva un “leader politico più aggressivo”, secondo il New York Times , che ha parlato con “due persone che conoscono le dinamiche della decisione”.

Padre Frank Pavone, direttore nazionale di Priests for Life (Sacerdoti per la Vita, ndt), hatwittato di non essere “sorpreso”. Planned Parenthood ha scelto un “operatore sanitario come leader … Si fanno passare per un’organizzazione sanitaria; ma sono una macchina politica per i Democratici radicali che spingono per l’aborto senza restrizioni”.

“L’espulsione da Planned Parenthood del suo nuovo presidente dopo meno di un anno non è sorprendente visto l’attrito che abbiamo visto in quei mesi. L’aborto non è un’assistenza sanitaria e vestirsi con un camice bianco non ha ingannato il popolo americano, così ripiegano sulla colonna portante della loro macchina politica”, ha commentato la presidente della “Susan B. Anthony  List” (ente pro-life, ndt) Marjorie Dannenfelser.

“È un segno che il gigante dell’aborto sopravvaluta ancora il suo potere nel nuovo contesto inaugurato dall’amministrazione Trump – e questo slancio è dalla parte della vita”, ha spiegato Dannenfelser. “Mentre la nostra nazione si muove verso un consenso legale che è sempre più protettivo nei confronti dei bambini non nati in ogni fase, la lobby dell’aborto insiste sul fatto che i legislatori non hanno il diritto di intervenire. Il popolo americano, attraverso i suoi rappresentanti eletti, parla chiaramente e merita di essere ascoltato “.

(…)

BuzzFeed ha riferito di aver”parlato con sei diverse fonti ben informate sul licenziamento di Wen, le quali hanno menzionato significativi problemi di gestione come parte della decisione del consiglio di estromettere la Wen. A un certo punto, hanno detto due persone, il consiglio di Planned Parenthood ha ingaggiato un executive coach per migliorare il rapporto di Wen con lo staff.”

Questa testata ha anche riferito che la raccolta di fondi della società abortista “ha visto un significativo declino” sotto la leadership di Wen. A quanto pare aveva assunto per “ruoli di leadership molto alti” persone “che non sapevano nulla di Planned Parenthood” cosicché gli impiegati veterani di alto livello abbandonavano la nave.

Pare anche che la Wen fosse anche difficile da accontentare; BuzzFeed aveva in precedenza  riportato un manuale di 182 pagine su “Le regole e i suggerimenti per il personale da parte di Wen“.

Fonti della Planned Parenthood hanno detto a BuzzFeed che Wen non era né abbastanza focalizzata sull’aborto né abbastanza “trans-inclusive”:

Fin da quando è arrivata non ha dimostrato alcun interesse per “il futuro a lungo termine del lavoro che era già in corso, per accesso all’aborto dicendo che non c’erano fondi per questo”, ha detto la fonte, aggiungendo che negli incontri con Wen hanno visto piangere i membri dello staff che sentivano ignorata la loro esperienza pluridecennale.

Due fonti hanno riferito a BuzzFeed News che Wen ha anche rifiutato di usare un linguaggio “trans-inclusive”, come per esempio dire “persone” invece di “donne”, dicendo al personale che credeva che parlare di questioni transgender avrebbe “isolato la gente nel Midwest”.

A maggio, il consiglio di amministrazione nazionale di Planned Parenthood ha acquisito il primo membro transgender.

“La leadership di Planned Parenthood, quale principale fornitore del Paese di parti del corpo di bambini abortiti, si trova di fronte all’impossibile compito di difendere l’indifendibile”, ha detto a LifeSiteNews David Daleiden del Centre for Medical Progress. “Né Cecile Richards, né la dottoressa Leana Wen, né Alexis McGill Johnson, né il loro eventuale successore, possono salvare Planned Parenthood dal giudizio della Storia come il più grave violatore dei diritti umani che il nostro Paese abbia mai visto.”

“La risoluzione anticipata del mandato di Leana Wen non cambierà l’opposizione della comunità pro-life al modello di business mortale della Planned Parenthood”, ha dichiarato Kristan Hawkins, presidente di Students for Life of America. “C’è una reale spinta a neutralizzare Planned Parenthood e a proteggere  le donne dagli abusi dell’industria abortista”.

Abby Johnson, l’ex direttore di Planned Parenthood diventata attivista pro-life la cui conversione è raccontata in Unplanned, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Dopo aver messo in gioco la sua carriera e la sua reputazione di medico nel tentativo di rianimare l’integrità morente di Planned Parenthood, la dottoressa Leana Wen ha scoperto che l’organizzazione che aveva sostenuto negli ultimi otto mesi non la riteneva più adatta. Planned Parenthood è un’organizzazione politica, non un fornitore di servizi sanitari. Un dottore non riuscirebbe a portare avanti il lavoro. Ma avrebbe dovuto ricevere un preavviso più rispettoso del suo licenziamento dopo un “incontro segreto” a cui non era stata invitata. In breve, è stata mandata via senza alcuna notizia di illeciti o di scarso rendimento sul lavoro.

Questo è più che normale con la Planned Parenthood. L’ho vissuto in un modo molto personale perché a mia volta ho fatto volontariato, ho lavorato e alla fine ho gestito una loro clinica in Texas per otto anni. Mi è stato persino assegnato il premio come dipendente dell’anno non molto tempo prima che venissi rimproverata per la mia prestazione lavorativa, eppure avevo mantenuto un record esemplare da quando ero stata assunta. So tutto di questi “incontri segreti”. Ho smesso di lavorare per Planned Parenthood dieci anni fa, dopo aver assistito alla lotta per la propria vita di un bambino di 13 settimane durante un aborto guidato tramite ecografia.

La dottoressa Wen ha anche recentemente avuto una interruzione spontanea di gravidanza, che ha condiviso pubblicamente, solo 10 giorni fa. E ora ha perso il lavoro. In un momento in cui i suoi collaboratori avrebbero dovuto starle vicino perché si riprendesse, hanno semplicemente ignorato la sua recente perdita e si aspettavano che lei continuasse a combattere. Il dottor Wen ha bisogno di una comunità che la circondi e che si prenda cura di lei proprio ora, nel momento del bisogno. Amiamo i perdenti tipo “e alla fine non ne rimase nessuno” e mi piacerebbe che lei trovasse un nuovo lavoro di affermazione della vita, ottenesse un avvocato se lo desidera, guarisse da questi eventi traumatici e superasse il tradimento di un’organizzazione che afferma di “aver cura, nonostante tutto.” Abbiamo aiutato altri 530 lavoratori dell’industira dell’aborto a trovare lavori di cui essere orgogliosi, tra cui sette medici. Possiamo aiutare anche te, dottoressa Wen.”

Fonte: “Il Blog di Sabino Paciolla”