Il dato forse più eclatante riguarda gli orientamenti di voto della Generazione Z, cioè gli aventi diritto al voto nati dopo il 1997. In questo segmento elettorale la Lega ha ottenuto un risultato addirittura superiore al dato nazionale aggregato: il 38% di chi ha votato alle Europee per la prima volta ha barrato sul simbolo della Lega, con un aumento del 21% rispetto alle politiche di un anno fa; nello stesso intervallo di tempo il M5s ha perso 25 punti percentuali, scendendo al 16%, e il Pd ha recuperato il 9% dei consensi, ottenendo un 23% che è pressoché in linea col dato nazionale. L’affluenza in questo segmento è stata del 49%, più bassa (come di consueto per questa fascia demografica) rispetto alla media.

Il comportamento di voto della Generazione Z è (per una volta)pressoché identico a quello dei loro genitori: anche i cosiddetti baby boomers (persone nate tra il 1946 e il 1964) e e la Generazione X (persone nate tra il 1965 e il 1979) fanno registrare dati di consenso per la Lega superiori al 35%, con il Pd secondo partito e il M5s sotto la media nazionale.

La polarizzazione a vantaggio del partito di Matteo Salvini è più blanda tra i Millennial (le persone nate tra il 1980 e il 1996), ma in ogni caso la Lega risulta prima anche in questo segmento demografico, con il 28% dei consensi e una crescita dell’11% rispetto al 2018. Tra i primi nativi digitali la situazione sembra essere leggermente meno critica per il M5s, che ottiene il 26% dei consensi, ma comunque con una perdita netta del 15% rispetto alle politiche del 2018.

L’omogeneità del dato in termini di vicinanza al valore medio del voto della Lega è registrabile anche segmentando gli elettori per altre caratteristiche. Il partito di Salvini ottiene performance superiori alla media, ad esempio, tra le donne (37%) e le persone in condizione di povertà. In quest’ultima categoria la Lega ottiene addirittura il 47%: chissà se gli estensori del reddito di cittadinanza si sarebbero immaginati questo risultato.

In questi giorni si è parlato molto di un’onda giovane che avrebbe salvato l’Europa, e di una sorta di effetto Greta Thunberg,una mobilitazione delle fasce più giovani della popolazione a favore dei partiti di ispirazione verde, soprattutto in Francia e in Germania. In Italia, evidentemente, tutto ciò non è accaduto e non sta accadendo.

La ricerca di Swg è stata condotta su un campione di 8000 elettori residenti in Italia con metodo di rilevazione misto (interviste su telefono fisso, mobile o raccolte attraverso questionari online) e i dati sono stati riponderati sulla base dei dati reali dello scrutinio. La morale, per quanto semplice e legata alla congiuntura politica e sociale, è sempre la stessa: i nostri giovani non sono mai stati così a destra.

Fonte:“WIRED”